Paese che vai, usanza che trovi. Noi italiani siamo soliti vedere i cimiteri monumentali come luoghi di riposo eterno dove è possibile entrare senza che vi sia sepolta una persona a noi cara per ammirare l’architettura e le meravigliose opere d’arte che questi luoghi di pace e di tranquillità detengono, come se si trattasse di veri e propri tesori da proteggere.

Basta recarsi in un altro paese per scoprire però una cultura del tutto diversa, un diverso modo di vivere questi luoghi di riposo eterno: non li si visita semplicemente per ammirarne le bellezze e le opere d’arte, ma li si utilizza alla stregua di veri e propri parchi pubblici. All’estero è facile vedere giovani intenti a fare jogging di primo mattino in un viale alberato del cimitero cittadino, anche, perché no, passando proprio tra le tombe, così come è facile vedere coppie con bambini piccoli al seguito che verso mezzogiorno fanno qui un bel pic nic.

I cimiteri italiani inoltre, nonostante si differenzino per le architetture, le zone verdeggianti, le piante scelte e le opere d’arte, hanno tutti un’atmosfera decadente capace di creare subito una sensazione di grande rispetto e reverenza. Ci sono invece alcuni cimiteri esteri colorati, allegri, capaci di creare un’atmosfera del tutto diversa, leggera infatti e persino spensierata, con epitaffi e opere che riescono a strappare un immenso sorriso.

Andiamo insieme alla scoperta allora di quali sono i cimiteri più belli e, perchè no, un pizzico stravaganti che sorgono lontano dal nostro territorio, luoghi che meritano una visita durante il vostro peregrinare in giro per il mondo.

cimitero Parigi

Il cimitero Père-Lachaise – Parigi

Nella città più romantica del mondo, non può mancare un cimitero altrettanto carico di romanticismo. Qui la classica decadenza francese, macchiata dalla dolce malinconia che da sempre contraddistingue questo paese, è talmente tanto forte da potersi dire addirittura tangibile.

Non è certo raro incontrare i parigini intenti a leggere un libro su una panchina del cimitero o a passeggiare tra i suoi meravigliosi viali, alla ricerca di un angolo di pace e di relax in cui perdersi, rilassarsi, meditare. Intraprendete anche voi una passeggiata di questa tipologia, alla ricerca ovviamente delle tombe dei personaggi più famosi che proprio qui riposano. Tra le tombe più visitate c’è quella di Jim Morrison, il Dio della musica rock, dove troverete sempre fiori freschi, candele accese, lettere lasciate dai suoi fan, oppure la tomba di Oscar Wilde dove i visitatori lasciano baci e impronte realizzati con il rossetto.

All’ingresso potete ovviamente ritirare la mappa del cimitero così da andare alla scoperta delle tombe dei personaggi del passato che più vi appassionano.

cimitero copenaghen

Il cimitero Assistens di Copenaghen

Anche il cimitero di Copenaghen è romantico e decadente, con le tombe immerse in zone verdeggianti che in primavera si riempiono di fiori colorati. Se i francesi scelgono il loro cimitero come un luogo di relax e di pace, i danesi lo utilizzano invece come un vero e proprio parco cittadino. Durante la vostra visita incontrerete giovani a fare jogging, mamme che allattano i loro neonati tranquillamente sedute su una coperta nel bel mezzo di un prato verde o famiglie che fanno uno spuntino tra le tombe.

Per noi italiani si tratta di atteggiamenti davvero molto particolari, ma possiamo assicurarvi che dopo qualche minuto all’interno di questo cimitero non li troverete più così strani e anche a voi verrà voglia di vivere questo luogo in modo tanto spensierato.

Vivi e morti condividono questo meraviglioso spazio, perché la morte dopotutto fa parte della vita.

cimitero londra

Il cimitero di Highgate – Londra

Volete vivere un romanticismo ancora più intenso? Recatevi allora alla scoperta del cimitero di Highgate, attrazione poco conosciuta della metropoli londinese dove sono sepolti alcuni personaggi di grande importanza storica come Karl Marx, ad esempio o George Elliot.

La maggior parte delle tombe sono in stile vittoriano e la vegetazione del luogo si è ormai impossessata di loro: vivono in simbiosi, regalando atmosfere cariche di suggestione, che vi faranno credere di essere finiti direttamente dentro ad un film d’altri tempi.

La leggenda vuole che all’interno di questo cimitero viva un vampiro, una leggenda che rende una visita a questo luogo incantato ancora più interessante.

cimitero gioioso

Il cimitero Vesel di Sapanta – Romania

Se non amate le atmosfere malinconiche, romantiche e decadenti e desiderate visitare un cimitero diverso, a tratti stravagante, capace di rubarvi anche qualche piccolo sorriso, è in Romania che dovete assolutamente recarvi.

Il meraviglioso cimitero di Sapanta ha un nome che è tutto un programma: cimitirul vesel, cimitero gioioso. Come può un luogo di riposo eterno essere gioioso? Semplice, qui troverete oltre 900 tombe che sono delle vere e proprie opere d’arte colorate e allegre, decorate con scene di vita quotidiana, spesso realizzate in modo piuttosto ironico, così come ironici e simpatici sono gli epitaffi.

Passeggiando tra queste tombe è facile credere che la morte possa essere vissuta in modo leggero e spensierato.

cimitero guatemala

Il cimitero di Chichicastenango – Guatemala

Parlando di stravaganza, è impossibile non menzionare i cimiteri del Guatemala, in modo particolare il bellissimo cimitero di Chichicastenango. Entrando in questo luogo meraviglioso, affascinante, dove le tombe sono ultra colorate, è facile capire che in Guatemala hanno un modo del tutto diverso di vivere la morte e di celebrare i defunti. La vivacità è infatti la parola chiave, con colori che catturano subito l’attenzione e che sono capaci di dare vita ad atmosfere festose e gioiose.

E queste atmosfere si rendono ancora più evidenti osservando i maestosi banchetti che vengono di frequente organizzati proprio accanto alle tombe. Troverete sempre fiori freschi, ornamenti folcloristici, ciotole di mais lasciate per i defunti che così, anche nell’aldilà, hanno la possibilità di nutrirsi egregiamente, e aquiloni colorati con messaggi d’amore e di memorie.

Lascia un commento