Possiamo decidere come vivere, non come morire, diceva un grande saggio. Anche se questo è vero, è vero anche che possiamo decidere quale sia il destino del nostro corpo dopo la morte: se donare o meno gli organi ad esempio, se essere sepolti e dove, se essere cremati. A quanto pare la cremazione è oggi una scelta sempre più diffusa: la cenere è una forma dignitosa di morte dopotutto, senza il pensiero della decomposizione a cui il corpo umano inevitabilmente andrebbe incontro. Ma ciò che non tutti forse sanno è che la cenere può anche essere trasformata in qualcosa di molto pregiato come un gioiello o un’opera d’arte o tornare alla natura dando nutrienti a piante e alberi.

urna bios

Non tutti lo sanno perché se ne parla effettivamente poco: il motivo è da ricercarsi nelle recenti parole del Papa che ha concesso ai credenti di optare per la cremazione, affermando però che le ceneri sono comunque sacre e devono quindi necessariamente essere conservate nella loro urna, all’interno ovviamente del cimitero. Le soluzioni di cui stiamo per parlarvi non sono quindi la scelta ideale per i ferventi credenti, ma se pensate che le vostre ceneri siano del tutto sprecate dentro ad un’urna forse è il caso di dare un’occhiata a ciò in cui è oggi possibile trasformarsi dopo la morte.

cremazione urna biosLa vita finisce, ma un’altra vita è pronta per nascere: sapere che la nostra morte potrebbe far parte di questo circolo è di conforto. Ma com’è possibile tutto questo? Di certo non ha niente a che vedere con la mitologica fenice che dalle sue ceneri rinasceva, né con la magia o con l’occulto. È qualcosa di molto più semplice e terreno, ma allo stesso tempo di davvero molto suggestivo: dare vita cioè ad una nuova pianta grazie ai sali minerali e agli altri elementi nutritivi presenti nelle ceneri.

urna bios

La soluzione più semplice per coloro che vogliono poter rinascere dalle loro ceneri è l’Urna Bios, un’urna biodegradabile al 100% al cui interno vanno inserite le ceneri e i semi della pianta in cui desiderate trasformarvi. L’urna va poi interrata e con il passare del tempo proprio in quel punto nascerà una pianta meravigliosa. C’è chi però ha portato questo concetto di rinascita dalle ceneri ad un livello più alto. Stiamo parlando dell’Urna Capsula Mundi. Questa è un’urna a forma di uovo che nasce per contenere le ceneri mentre i semi non trovano spazio al suo interno. Una volta interrata, l’urna renderà possibile espandere le sostanze nutritive nel terreno che si arricchito e diventerà fertile e adatto alla crescita di nuove piante.

cremazione

L’idea è che queste urne non vengano piantate a caso, in luoghi isolati, magari nei giardini privati. L’idea è che sia possibile dare vita a veri e propri boschi sacri. I boschi sarebbero un’alternativa ai classici cimiteri in cemento a cui oggi siamo abituati: una scelta ecologica in quanto si avrebbero nuove piante a ridosso delle città, una scelta estetica perché finalmente il cemento verrebbe a diminuire, una scelta spirituale perché sarebbe così possibile avere a disposizione un luogo tranquillo e pacifico dove rendere memoria ai propri cari. Ma come riuscire, all’interno di un bosco sacro, a capire quale sia la pianta dei propri amici e parenti ormai scomparsi? Niente targhette, come verrebbe invece logico pensare, bensì un tecnologico sistema GPS.

IMG_2117-0.jpg

Una pianta è qualcosa di meraviglioso e memorabile, ma ad alcune persone questo ritorno alla vita e alla natura potrebbe non bastare. Qualcuno potrebbe desiderare una trasformazione più grandiosa, che cosa ne dite allora di tramutare le vostre ceneri in veri diamanti? C’è chi potrebbe interpretare questo desiderio come mera vanità, ma in realtà è un atto di altruismo per le persone che dovranno trovare il modo di elaborare il lutto dopo la morte. Un diamante non può certo restituire la persona amata, ma può dare conforto nell’assenza, un bene prezioso infatti da curare e da tenere in grande considerazione, capace di simboleggiare l’amore, un bene da tramandare inoltre di generazione in generazione che entra quindi a far parte della memoria familiare. L’azienda che rende possibile questo piccolo miracolo è Algordanza, con sede a Coira, in Svizzera. I diamanti possono essere prodotti di ogni possibile dimensione, ma non è possibile scegliere la tonalità: il diamante risulterà infatti bianco o blu in varie intensità a seconda della composizione chimica delle ceneri. Si tratta di un dettaglio molto importante: ogni persona è unica e così ogni diamante è unico a sua volta.

ceneri diamanti

E se i diamanti dovessero apparirvi come un’esagerazione, un eccesso, ricordate che è sempre possibile incastonare le ceneri in lastre di cristallo dando vita a ciondoli meno pregiati, ma sicuramente molto eleganti che riescono alla perfezione a rendere omaggio alla persona scomparsa. Potete anche decidere di dividere le ceneri in più ciondoli, in modo che tutte le persone della famiglia possano avere un ricordo del defunto. E ancora, le ceneri possono essere mescolate con vernici oppure con materiali plasmabili come il gesso affinché diventino parte integrante di un’opera d’arte: un dipinto o una scultura diventa memoria della persona defunta, un piccolo oggetto da tenere in esposizione in casa.

Forse le soluzioni che vi abbiamo proposto possono apparire stravaganti, a tratti persino eccessive, ma si tratta di un modo diverso di guardare alla morte, più moderno, più attento alle esigenze dei vivi: perché con un diamante, un’opera d’arte, una pianta o un bosco sacro si ha la possibilità di stare per sempre accanto alle persone che, in vita, abbiamo amato e che continueranno ad amarci a loro volta anche dopo la nostra dipartita.

Lascia un commento