Come funziona un funerale privato

Il funerale privato, o funerale in forma privata, è una cerimonia che consente di celebrare il saluto e la memoria della persona amata in un luogo personale e più riservato. Una scelta ideale per conferire una maggiore discrezione all’evento, evitando così di commemorare il defunto in uno spazio accessibile a tutti.

Nella definizione del funerale privato, peraltro, occorre fare attenzione a non credere che si tratti di una categoria alternativa al funerale religioso o a quello civile, a cui generalmente si suole riferire la ripartizione delle categorie delle cerimonie funebri in Italia. Il funerale privato può infatti assumere sia la forma di un funerale religioso, sia quella di un funerale laico.

Quando si ricorre al funerale privato

Di norma si ricorre al rito funebre privato in tutte quelle occasioni in cui si desideri rispettare la volontà del defunto, che potrebbe avere espresso il desiderio di celebrare il proprio funerale in un luogo più appartato, alla presenza delle sole persone più care, intendendo per tale i familiari stretti o gli amici più prossimi.

D’altronde, il funerale in forma privata è un momento di raccoglimento intimo e personale, in cui poche persone si riuniscono intorno alla salma del defunto per celebrarne il ricorso con discorsi e preghiere, a seconda della tipologia di funerale che si è scelto di organizzare.

Come funziona il funerale in forma privata

I funerali sono disciplinati dal DRP 285/1990, al quale ci si può pertanto riferire per l’organizzazione del funerale in forma privata. Come anticipato, la predisposizione del rito può avvenire sia nel caso di rito religioso che di funzione in forma laica, a seconda delle volontà espresse dal defunto e/o dai suoi cari.

Così come la generalità dei funerali, anche quelli in forma privata potranno essere organizzati dalle imprese di pompe funebri, che si occuperanno di ogni aspetto pratico e burocratico, sollevando così gli eredi da ogni incombenza in un momento particolarmente difficile della loro vita.

Come si organizza il funerale in forma privata

Dopo la denuncia di decesso, gli eredi, nel rispetto delle volontà del defunto, possono provvedere all’organizzazione della cerimonia funebre, di tipo religioso o laico, avvalendosi di un’agenzia di onoranze funebri privato o, se ricorre, quello del servizio municipale funebre (a cui ci si può rivolgere solo se l’indicatore di reddito ISEE familiare non supera i 13.000 euro).

Premesso il ruolo decisivo dell’agenzia di onoranze funebri, è anche vero che una parte degli aspetti del funerale privato possono essere gestiti in completa autonomia dalla famiglia del defunto, come ad esempio la scelta del rito funebre o l’individuazione del luogo ideale in cui svolgere la cerimonia.

Cosa succede nel funerale in forma privata

Nel funerale in forma privata la successione degli eventi tende a rispettare quelle che erano le preferenze e i desideri in vita del defunto o, in mancanza di essi, le volontà della famiglia, che sarà ben in grado di interpretare che cosa avrebbe voluto il caro estinto.

Di fatti, non esistono regole predeterminate per la struttura e l’organizzazione del funerale in forma privata, con la conseguenza di poter gestire questo processo in completa autonomia. Per quanto intuibile, e per evitare sgradevoli malintesi, è consigliabile soffermarsi con attenzione sulle credenze religiose e filosofiche professate dalla persona defunta, al fine di non organizzare una funzione che potrebbe essere distorta rispetto ai principi del deceduto.

Dove viene organizzato il funerale in forma privata

Di norma il funerale in forma privata viene organizzato all’interno di uno spazio chiuso. Il funerale privato è per sua caratteristica riservato e, come tale, richiede che ci sia la fruizione di un ambiente piuttosto discreto.

All’interno di questo ambiente i parenti e gli amici più stretti, invitati dagli eredi al funerale, potranno ricordare la persona scomparsa con testimonianze e discorsi che possano onorarne la memoria.

Quanto dura un funerale privato

Proprio per l’assenza di regole e di strutture predefinite, il funerale privato ha una durata variabile, che non può essere preventivata. Le persone che intendono celebrarlo e presenziare ad esso potranno pertanto trattenersi per tutta la durata che ritengono opportuno per ricordare con il giusto affetto il defunto.

È evidente che, in tale contesto, l’unico limite temporale che deve essere rispettato sarà quello dei termini pattuiti con l’agenzia funebre e, eventualmente, con il gestore del luogo in cui è stata organizzata la commemorazione.

Che documenti servono per preparare un funerale privato

Per organizzare un funerale privato è generalmente necessario essere in possesso di alcuni documenti che verranno ricordati agli eredi dal personale dell’agenzia funebre. Non si tratta in ogni caso di documenti complessi da reperire: una o più foto cartacee o digitali del defunto, il suo codice fiscale, la carta di identità e la tessera sanitaria di un parente del defunto.

Fatto ciò, l’agenzia si occuperà di tutte le attività che sottintendono la regolare realizzazione del funerale privato, come il rilascio del certificato di morte, la vestizione della salma, il recupero della salma e il trasporto, i permessi cimiteriali, e così via.

FAQ – Il funerale privato

Abbiamo di seguito cercato di rispondere ad alcune delle domande più frequenti sul funerale privato.

Quando si organizza il funerale privatoIl funerale privato viene organizzato in tutte quelle occasioni in cui le persone care desiderano ricordare il caro estinto in maniera riservata, per propria volontà o volontà dello stesso parente passato a miglior vita.
Chi organizza il funerale privatoL’agenzia funebre può occuparsi di tutte le procedure fondamentali per organizzare il funerale privato, religioso o civile.
Chi comunica il funerale privatoÈ l’agenzia funebre a dare comunicazione del funerale privato alle persone indicate dalla famiglia. Si tratta generalmente dei parenti e degli amici più stretti.
Dove può essere organizzato il funerale privatoIl funerale privato può essere organizzato in ogni luogo, compresa una Chiesa. È importante rispettare, in questo senso, le preferenze del defunto e dei suoi cari.
Dopo quanto si può organizzare il funerale privatoIl funerale privato può essere organizzato trascorse almeno 24 ore dal decesso.
Cosa succede nel funerale in forma privataNel funerale privato non ci sono regole predeterminate e, pertanto, la cerimonia potrà essere organizzata con ampia flessibilità.
Quanto dura un funerale privatoLa durata del funerale privato dipende dalla volontà dei parenti e dalle caratteristiche della cerimonia. Rimane intesa la necessità di rispettare i termini concordati con l’agenzia funebre.

Lascia un commento