Che cosa succede a un funerale

Il rito funebre può essere celebrato in numerosi modi diversi, a seconda della religione di appartenenza e a seconda delle preferenze del defunto e dei suoi familiari.

Il rito funebre può essere celebrato in numerosi modi diversi, a seconda della religione di appartenenza e a seconda delle preferenze del defunto e dei suoi familiari. Tuttavia, esistono dei punti ricorrenti e dei comuni denominatori che vi consigliamo di rispettare e che vi permetteranno di attraversare con il giusto rispetto le principali fasi di un funerale.

 

La camera mortuaria

Il primo impatto emotivo che avrete sarà quello all’interno della camera mortuaria, destinata ad ospitare il corpo del defunto. La camera mortuaria può essere alternativamente allestita in casa, in obitorio o in altro spazio adibito (molto dipende da dove è avvenuto il decesso): in ogni caso, buona norma vorrebbe che si entrasse in tale ambiente con la giusta delicatezza, eventualmente recapitando fiori (a meno che siate esentati dalla famiglia del defunto) e condividendo qualche parola di conforto e di dispiacere con i parenti e le persone care.

 

Il registro delle presenze o delle visite

Se presente (è oramai un’abitudine sempre più frequente, anche grazie all’opera attiva delle agenzie funebri, che lo forniscono in maniera standard), firmate il registro delle presenze o delle visite. Viene generalmente previsto all’entrata delle camere mortuarie, e viene poi portato sulla soglia della Chiesta o nel luogo in cui si celebrerà il rito. È gradita qualche parola di memoria e di ricordo, ma se non ve la sentite, non siete obbligati: sarà sufficiente la vostra firma.

 

Il rito funebre

Si giunge dunque al rito funebre, al quale è naturalmente opportuno arrivare con un discreto margine di anticipo. Entrati in Chiesta o nel luogo in cui verrà svolto il rito, alla presenza del corpo del defunto, le varie fasi successive dipenderanno principalmente dalla religione e dalle richieste del morto. All’interno della celebrazione non sono pertanto da escludere alcune “deviazioni” rispetto a quanto era fino a poco tempo fa considerata la tradizione: si pensi alla presenza di eventuali musiche, o ancora allo spazio che viene lasciato a parenti e amici, affinché possano  condividere in pubblico qualche ricordo del morto.

Terminata la funzione religiosa, gli uomini dell’agenzia funebre ruoteranno la bara e si dirigeranno verso l’uscita principale della Chiesa, aprendo così il corteo: dietro la bara si disporranno i parenti più stretti (si segue generalmente l’ordine che li univa al morto) e, dietro ancora, gli amici e i conoscenti.

La cerimonia si concluderà con l’arrivo in cimitero, e con la sepoltura o altra forma di conservazione del corpo.

Lastello.it è il primo comparatore di agenzie funebri italiane

Segnalati da

Rds 8374773c113a7cca0abc41af078cd7a2af7b0d63e691cc59fad44f42e5769ecc
Ansa f670e1b775d191c3bd0d2cc5b15eaa59a2ef1dc17b7b49fe79082b32bec22526
Larepubblica 07ab39612063da1af69157c54a79e00e6d6bc47d682588da14ecfd1e587cdf95
Gq 17888512efc070977aff5269eed03ed2112279f1b58cccb9a9f6966bee3ca751
Ilsole24 4db16973ea4e4a343e489b9d5238654bda9e647a648e01e0a56d318c017d2511
Logo1 84e28afeab4c576f1ccf3d7bcd2de9b53041746b24b020fc46609074a2908e3a